Mondiali Doha: Quadarella bis d’oro, Settebello d’argento

di Roberto Parretta

C

lamorosa doppietta d’oro per Simona Quadarella ai Mondiali acquatici di Doha. Dopo i 1500 stile libero, infatti, la 25enne romana ha vinto anche gli 800. E’ argento invece il Settebello, che nella finale del torneo maschile di pallanuoto è stato sconfitto ai rigori dalla Croazia.

Mondiali Doha: nuoto, Quadarella bis

Simiona Quadarella conquista un oro che all’Italia mancava da 51 anni, dal primo e unico successo azzurro negli 800 ai Mondiali firmato da Novella Calligaris a Belgrado 1973. La 25enne romana, allenata da Christian Minotti e tesserata per il CC Aniene, in un finale di gara spettacolare ha toccato in 8’17”44, appena 9 centesimi prima della tedesca Isabel Gose (argento). Bronzo alla neozelandese Erika Fairweather (8’17”53). Da quando a Fukuoka 2001 furono introdotti i 1500 stile libero femminile, prima della Quadarella solo tre atlete sono riuscite a fare doppietta con gli 1500 la statunitense Katie Ledecky 5 volte, la tedesca Hannah Stockbauer (2) e l’altra statunitense Kate Ziegler (2). Nelle ultime sei edizioni dei Mondiali l’oro era sempre andato alla Ledecky, assente in questa edizione. Quinto posto invece per la staffetta azzurra 4×100 stile libero mista, con Alessandro Miressi, Manuel Frigo, Sofia Morini e Chiara Tarantino che hanno chiuso in 3’23”40. Oro alla Cina in 3’21”18, argento all’Australia in 3’21”78, bronzo agli Stati Uniti in 3’22”28. 

Simona Quadarella
L'esultanza di Simona Quadarella
Lo stacco di Chiara Tarantino, ultima frazionista della 4x100 stile mista

Mondiali Doha: la tripletta della Curzan

Quattro le altre finali di giornata senza azzurri. Nei 50 farfalla femminili, oro alla svedese Sarah Sjostroem (24”63), argento alla francese Melanie Henique (25”44), bronzo alla egiziana Farida Osman (25”67). Nei 50 stile libero maschili, oro all’ucraino Vladyslav Bukhov (21”44), argento all’australiano Cameron McEvoy (21”45), bronzo al britannico Benjamin Proud (21”53). Nei 100 farfalla maschili, oro al portoghese Diogo Matos Ribeiro (51”17), che aveva già vinto i 50, argento all’austriaco Simon Bucher (51”28), bronzo al polacco Jakub Majerski (51”32). Nei 200 dorso femminili, infine, oro alla statunitense Claire Curzan (2’05”77), la 19enne della Carolina del Nord che completa una clamorosa tripletta dopo avere già vinto 50 e 100, oltre all’argento nei 100 farfalla, argento all’australiana Jaclyn Barclay (2’07”03), bronzo alla bielorussa Anastasiya Shkurdai (2’09”08).

Mondiali Doha: pallanuoto, peccato Settebello 

Il gol del pareggio incassato a 4” dalla fine e poi i rigori fatali: il Settebello cede 15-13 alla Croazia nella finale per la medaglia d’oro del torneo maschile di pallanuoto. Avanti 11-10 grazie al rigore di Andrea Fondelli a 1’40” dalla fine, l’Italia del c.t. Sandro Campagna subisce il pareggio di Rino Buric proprio all’ultima azione. Ai rigori, Marco Del Lungo para il tiro di Loren Fatovic, ma poi sbagliano Gonzalo Echenique (traversa) e Francesco Di Fulvio (parato), con Marko Zuvela che trasforma quello decisivo. Per il Settebello è il quarto argento iridato (e anche gli ori restano 4), per la Croazia il terzo oro. Il bronzo è andato alla Spagna, che ha sconfitto per 14-10 la Francia.

Il portiere azzurro Marco Del Lungo
Il capitano Francesco Di Fulvio
la delusione di Andrea Fondelli

Credit Foto DBM Scala, Perottino, Masini, Staccioli Federazione Italiana Nuoto

Ho iniziato ad appassionarmi di sport dalla nascita e da 20 anni sono collaboratore della Gazzetta dello Sport. Ho seguito tantissime discipline: principalmente rugby (corrispondente in 3 edizioni dei Mondiali in Francia, Nuova Zelanda e Inghilterra e tutti i Sei Nazioni dal primo del 2000), poi fra gli altri equitazione, taekwondo, surf, atletica leggera e ovviamente anche nuoto. I miei risultati sportivi di maggior rilievo? Ultimo nelle batterie dei 50 stile libero al memorial Boscaini del 1985 e medaglia di bronzo al Settecolli 2019 nei 50 stile dei giornalisti!

TOP

 

 

Nasce il nuovo progetto di comunicazione che unisce sotto un’unica piattaforma online gli appassionati del mondo dell’acqua declinato in tutte le sue forme.

 

La parola acqua deriva dal latino “aqua”, che a sua volta ha una radice indoeuropea, la stessa della parola onda, che passando dal greco diventa “unda” in latino.

Acqua e onda: ovvero identica radice linguistica per due elementi che non possono esistere l’uno senza l’altro. 

 

Le onde sono un movimento perpetuo, sono il fluido che rappresenta l’impulso positivo al cambiamento.

 

Da qui nasce l’avventura di “On the Blue”: che ogni giorno vi condurrà in un viaggio in compagnia di chi questo elemento lo vive e lo ha vissuto.

 

SEGUI LE NOSTRE

“ONDE BLU”!!!